Come liquidare l’inventario in eccesso su Amazon

29 Aprile 2022

Ormai da qualche anno, è impossibile non essersene accorti, siamo entrati a vele spiegate nell’era della globalizzazione. Questo fenomeno ha contribuito a mutare, più o meno velocemente, ogni aspetto delle nostre vite, investendone alcuni, sopra altri, di un’importanza particolare e portandoli alla ribalta nel mondo iperconnesso in cui viviamo.

Il settore delle comunicazioni, ad esempio, è stato completamente rivoluzionato, stesso dicasi per quello della cultura che vede il lento amalgamarsi di diversi elementi nella formazione di un apparato unitario ed eterogeneo. Ma il cambiamento forse più evidente e più immediatamente riscontrabile nel vivere quotidiano è senza dubbio quello che ha colpito il settore del commercio.

Oggi giorno è infatti possibile per chiunque diventare un commerciante degli articoli più disparati, semplicemente avvalendosi dei servizi offerti dagli shop online, come Amazon, che, oltre a presentarci la più vasta gamma di prodotti da acquistare, ci offrono altresì la possibilità di diventare a nostra volta venditori.

E’ quindi un fenomeno in pienissima espansione quello di mettersi “in gioco” proponendo una propria scelta di prodotti, da vendere poi online ad acquirenti terzi.

 

Logistica di Amazon

Imbracciando in pieno lo spirito dell’epoca, Amazon si fa quindi in contro alle esigenze non solo dei suoi clienti, ma anche degli aspiranti venditori che si trovino, per un motivo o per un altro in carenza di mezzi logistici. Creando un account venditore ed iscrivendosi al servizio Logistica di Amazon, otterremo dunque una serie di significative agevolazioni: 

  • Il primo passo sarà inviare ad Amazon i prodotti che abbiamo scelto per la vendita
  • Amazon provvederà allo stoccaggio dei prodotti, nella quantità da noi desiderata
  • Avvalendoci del servizio le nostre offerte diventeranno più visibili e competitive
  • Amazon preleva, imballa e spedisce i nostri prodotti ai clienti in Italia e in tutta Europa
  • Infine, Amazon si occupa dell’assistenza clienti nella lingua locale e della gestione di eventuali resi

 

Tutti questi sono vantaggi tutt’altro che trascurabili nel momento in cui decidiamo di affacciarci al mondo in continua espansione dello shopping online, ma non sono gli unici offerti dal servizio logistica di Amazon, il quale si pone anche come utilissimo strumento per la gestione di altri passaggi delicati e situazioni problematiche.

 

Magazzino pieno: opzioni per l’ottimizzazione

La gestione di un magazzino ad esempio, anche di un magazzino Amazon con tutti i supporti del caso, può risultare difficoltosa, soprattutto per chi non abbia esperienza in campo commerciale, ma comunque necessiti o desideri vendere i propri prodotti su Internet, avendo così la garanzia di poter raggiungere un numero sensibilmente più ampio di potenziali clienti e coprire un’area geografica che, sulla base delle nostre scelte, potrà essere più o meno estesa, ma che sicuramente non ci limiterà come accadrebbe con un negozio fisico.

Bisogna infatti tenere conto di una serie di fattori, affinché l’inventario che abbiamo allestito e scelto di affidare ad Amazon non diventi per noi una spesa più grande dell’incasso che possiamo ottenere. Fortunatamente anche in questo caso Amazon ci fornisce degli strumenti per destreggiarci tra queste valutazioni non sempre così intuitive. 

 

Inventario in eccesso

Lo strumento Gestisci inventario in eccesso permette di identificare rapidamente le offerte che potrebbero presentare livelli di inventario in eccesso e di apportare eventuali modifiche. Lo strumento evidenzia i fattori che potrebbero limitare la vendita dei prodotti e offre consigli su come migliorare la performance dell’inventario; esso, tuttavia, mira unicamente a fornire una guida per il venditore ed è stato creato per aiutare a gestire i livelli di inventario. Il suo uso non intende sostituire le nostre valutazioni riguardo la domanda dei nostri prodotti: questa può infatti dipendere da numerosi fattori, come oscillazione dei prezzi, variazioni della domanda dei consumatori e modifiche apportate alle offerte concorrenti per i medesimi prodotti. Questi suggerimenti per la gestione del proprio magazzino Amazon, dunque, non sono una garanzia di successo e gli unici responsabili per la determinazione dei prezzi e dei livelli d’inventario dei prodotti rimaniamo noi venditori. 

 

Svuotare il magazzino pieno

Un’altra opzione è quella di procedere a svuotare il nostro magazzino pieno mettendo una parte o tutto il nostro inventario in liquidazione: in questo caso dovremo metterlo all’asta sul sito Bstock e, seguendo dei passaggi meticolosamente indicati da Amazon stessa, procedere alla vendita all’asta previa applicazione di un significativo sconto. 

Condividi con:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin

Raccontaci il tuo
progetto